Bitcoin: una moneta reale?

Strumento finanziario correlato : BITCOIN
  • 104
  • 0
Si sente dire un po’ ovunque che il Bitcoin non è una moneta autentica. In linea generale, questa affermazione è corretta, in quanto si tratta di uno strumento virtuale. Non ci sono infatti banconote o monete in circolazione. Tuttavia, il Bitcoin presenta numerose caratteristiche in comune con una moneta reale, ad esempio l’euro.

Bitcoin: le caratteristiche di una moneta



- Unità di conto:
Il Bitcoin consente di misurare il valore di un bene o servizio e quindi di acquistarlo o venderlo. Il Bitcoin permette di confrontare i prezzi tra diversi prodotti/servizi.

- Mezzo di pagamento:
Numerosi negozi accettano ora i pagamenti tramite Bitcoin. In Canada esiste persino un terminale che consente di ricaricare il vostro conto Bitcoin versando direttamente dollari canadesi. Con l’ascesa di questa moneta virtuale, il numero di commercianti che accetta questo mezzo di pagamento è in progressivo aumento, anche se per ora la sua adozione resta minima.

- Quotazione del Bitcoin:
Come molte altre monete, sui mercati finanziari il valore del Bitcoin è soggetto a fluttuazioni. Il suo valore è quindi determinato dall’incontro tra domanda e offerta.

- Risparmio:
È possibile depositare Bitcoin su un conto per finalità di risparmio. In pratica, equivale a risparmiare una parte del vostro stipendio in euro per depositarlo su un conto di risparmio.

- Scambio:
Il Bitcoin presenta un valore legale rispetto alle altre monete. È quindi possibile acquistare degli euro con i Bitcoin e viceversa. Questo consente di eliminare uno dei difetti del Bitcoin, ossia l’assenza di un corso legale in una regione geografica. Non avere corso legale significa che chiunque ha il diritto di rifiutare un pagamento in Bitcoin. Ad esempio, l’euro ha corso legale nell’eurozona ma non negli Stati Uniti.

Bitcoin: quali sono i rischi?



- Rischio di controparte:
Se nessuno intende riceverli, i vostri Bitcoin non hanno alcun valore e non possono essere scambiati con altre monete. Nessun organismo finanziario (ad esempio una banca) accetterà di scambiare i vostri Bitcoin con un’altra moneta.

- Rischio di stoccaggio:
Se avete un conto in Bitcoin, la cassaforte dove conservare i Bitcoin è semplicemente il vostro computer o smartphone. È molto diverso da un conto in banca che è accessibile ovunque.

Non esiste alcun organismo che protegge il vostro conto e sappiamo tutti che è molto facile violare un computer. Se il vostro PC presenta un problema tecnico, potete anche perdere definitivamente la vostra cassaforte e quindi il vostro denaro.

- Rischio di valore:
Il valore del Bitcoin sui mercati finanziari è molto volatile. Il vostro patrimonio è quindi esposto a forti oscillazioni. Quando acquistate dei Bitcoin dovete fare molta attenzione a scegliere il momento giusto. Nessun organismo controlla infatti il suo valore, come avviene al contrario per l’euro, valuta supervisionata dalla BCE. Potete consultare tutte le analisi del Bitcoin su Centralcharts.

Bitcoin: moneta ufficiale del Dark Web



Occorre sapere che Internet presenta due universi separati: uno visibile, quello che tutti voi conoscete e che è accessibile dai tradizionali motori di ricerca come Google, e un altro nascosto, invisibile. Si stima che questi siti non referenziati rappresentino il 90% del Web. Pertanto, Internet come lo conosciamo noi è solo la punta dell’iceberg. Occorre tuttavia precisare che la maggior parte di questi siti non referenziati sono reti Intranet o blog con semplici codici di accesso. Esiste però un’altra parte del Web, più profonda e segreta, chiamata Dark Web.

Il Dark Web inizia ad aprirsi al grande pubblico. Mentre qualche anno fa solo un informatico vi poteva accedere, oggi è sufficiente scaricare un software. Avrete quindi accesso a un motore di ricerca del Dark Web, una sorta di Google del lato oscuro. La navigazione sul Dark Web è completamente anonima; è infatti impossibile per le autorità identificarvi. Gli utenti più esperti potrebbero obiettare che l’indirizzo IP è pur sempre rintracciabile. E invece no; il software per accedere al Dark Web confonde le acque. Fornisce al vostro PC l’indirizzo IP di altri utenti connessi sul Dark Web, un indirizzo che varia ogni secondo. La vostra connessione sul Dark Web non lascia pertanto alcuna traccia.

Sul Dark Web è possibile trovare qualsiasi cosa, soprattutto prodotti e servizi illegali. Potete trovare armi, droga, carte di credito rubate, acquistare follower su Twitter o Mi piace su Facebook, assumere un hacker, e così via. In breve, tutto ciò che è illegale. E questo è alla portata di tutti. Sono numerosi i reportage in cui si acquistano prodotti illegali, ad esempio armi. Una cosa da far rabbrividire.

Sul Dark Web la moneta ufficiale è il Bitcoin. Tutti i malviventi, le organizzazioni criminali, i trafficanti utilizzano quindi questa moneta. Sul Dark Web potete pagare esclusivamente tramite Bitcoin. Questo è reso possibile dal fatto che il Bitcoin garantisce l’anonimato per qualunque operazione. Se convertite euro in Bitcoin, nessuno lo saprà.

L’intera economia sommersa ruota attorno al Bitcoin. Non posso fornirvi alcun dato, ma è innegabile che questo mercato abbia raggiunto dimensioni gigantesche.

Conclusione



Il Bitcoin presenta tutte le caratteristiche di una moneta reale. I suoi detrattori diranno che non è riconosciuto in nessun Paese come mezzo di pagamento ufficiale; in realtà, è la moneta del Dark Web (per quanto quest’ultimo sia uno spazio virtuale). Questa valuta tende a svilupparsi in tutto il mondo e il numero di operazioni in Bitcoin è in costante aumento. Tuttavia, è importante ricordare i rischi significativi a cui ci si espone, soprattutto quello legato al suo valore, che è soggetto a forti oscillazioni, e il rischio di stoccaggio. Fino a quando il Bitcoin non sarà regolato, resta soprattutto un mezzo di pagamento temporaneo piuttosto che una moneta reale in senso stretto.




Articoli complementari

Informazioni sull'autore

  • 5
  • 20
  • 17
  • 1

Aggiungi un commento

no pic

Commenti

0 Commenti